Nel paese delle acque selvagge

Dove lo smeraldino corso del Radovna si insinua tra la roccia

All’ingresso del Parco naturale del Tricorno (Triglav), dove la natura più incontaminata domina sovrana, per millenni le acque del torrente Radovna hanno pazientemente scavato la roccia tra i monti Hom e Boršt, plasmando quella che è a ragione considerata una delle più spettacolari bellezze dell’intera Slovenia: l’imponente gola di Vintgar. Poco distante dal lago di Bled, altro gioiello del territorio sloveno, questa stupefacente opera della natura costituisce la meta ideale per una gita di mezza giornata partendo proprio da Bled.

La scoperta della gola

Correva l’anno 1891 quando l’allora sindaco di Gorje Jakob Zumer e il cartografo e fotografo Benedikt Lergetporer durante una perlustrazione si imbatterono casualmente in questa meraviglia naturale. La spedizione, partita da Spodnje Gorje e diretta a Blejska Dobrava, raggiunse con non poca difficoltà il luogo in cui le smeraldine acque del Radovna si insinuavano spumeggianti tra i ripidi e boscosi versanti dei monti. Colpiti dal fascino misterioso di questi luoghi, i due decisero di attrezzare la gola con ponti, passerelle e sentieri per renderla accessibile al pubblico. L’inaugurazione ufficiale avvenne il 26 agosto 1893 e ancora oggi è possibile passeggiare lungo il chilometro e mezzo di percorso tracciato seguendo il movimentato corso del fiume, che riecheggia borbottante tra le pareti rocciose accompagnando il passaggio dei visitatori.

Passerelle di legno, ponti e punti panoramici

L’ingresso alla forra si trova presso il paesino di Podhom, dove parte il sentiero, attrezzato anche con tavoli da picnic. Dopo aver attraversato rapide suggestive, scroscianti cascate e pozze dalla limpida trasparenza, il percorso conduce fino a un ponte che sovrasta la pittoresca cascata Šum, alta 18 metri e certamente tra le più belle del Paese. Al ritorno è possibile percorerre nuovamente la passerella o, in alternativa, scegliere la variante del sentiero che supera la collina Hom e si inoltra fino all’antica chiesetta di Santa Caterina, da cui il panorama è davvero ineguagliabile.
Per chi ne avesse il tempo, la gola è facilmente raggiungere da Bled con una tranquilla passeggiata, ben segnalata lungo la strada da cartelli che indicano l’ingresso alla forra. Se invece il tempo o la voglia non fossero sufficienti, si arriva a Podhom comodamente in automobile – davanti all’entrata si trova un ampio parcheggio – con il treno in partenza più volte al giorno dal lago di Bled – in questo caso è poi necessario percorrere un breve tratto di strada a piedi dalla stazione di Podhom all’ingresso principale – o ancora, nella bella stagione, con un autobus turistico che parte da Bled.

 

Info:
Gola di Vintgar
Podhom 80 – Zgornje Gorje (Slovenia) – tel. +386 5725266 – fax +386 4 5744069
http://td-gorje.s5.net

 

Testo di Marta Zamberlan – Pubblicato il 10 gennaio 2011

Crediti fotografici: Gola di Vintgar

 

Fotogallery

 
 

Appunti di Viaggio

 

 

Per scrivere un Appunto di Viaggio, entra o registrati a Lifeandtravel.com